Lezioni di arte

CORSO DI STORIA DELL’ARTE DAL DOPOGUERRA AGLI ANNI ‘60

Il corso di storia dell’arte contemporanea ha come oggetto quei movimenti artistici che si sviluppano a partire dal secondo dopoguerra sino agli anni 60.

Le lezioni si articolano in due cicli.

NEL PRIMO CICLO verrà preso in considerazione il panorama artistico internazionale e le quattro correnti di riferimento presenti negli Stati uniti e in Europa

1. L’ESPRESSIONISMO ASTRATTO. Questo movimento artistico è connotato dalla progressiva emancipazione dei giovani artisti americani dall’influenza delle avanguardie europee( il surrealismo in particolare), dalla ricerca di radici nella cultura indigena e dal difficile rapporto con l’ideologia metropolitana.

2. L’INFORMALE. In Europa , dopo l’esperienza del surrealismo , si approfondisce la tendenza a infrangere qualsiasi schema figurativo, risolvendo l’urgenza espressiva in una esplosione di segni e materia pittorica.

3. NEW DADA. L’arte coinvolge la realtà e viceversa , in una dimensione fluida di interrelazione tra pittura , oggetti del quotidiano e immagini dell’universo urbano.

4. FIGURA UMANA. La riproposizione della figura umana in arte avviene in quanto ,in quegli anni di barbarie e povertà , l’uomo avverte la propria condizione di assoluta solitudine nel suo essere gettato nel mondo ( M. Heidegger ).

IL SECONDO CICLO DI INCONTRI sarà dedicato all’arte italiana dal 1945 agli anni 60 : un periodo non molto ampio e tuttavia complesso, anche per le caratteristiche di apertura e di rapida evoluzione del contesto storico, dopo il conflitto mondiale e negli anni della ricostruzione e della ripresa civile ed economica. Si esamineranno artisti rappresentativi nei differenti ambiti di area astratto-geometrica, informale, figurativa, sino alla congiuntura degli anni finali del decennio, quando andarono definendosi nuovi indirizzi.

Questo anno si è pensato di proporre l’ascolto di brani musicali a commento di alcune opere di arte e letteratura al fine di sottolineare la profonda connessione di queste forme d’arte e anche perché spesso le parole non riescono a dire quanto la musica riesce ad esprimere in modo mirabile.